Questo sito utilizza cookie e tecnologie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione sul sito www.alimenticani.it senza modificare le impostazioni dei cookie accetti le nostre politiche sulla privacy, che puoi vedere nel dettaglio al link http://www.alimenticani.it/cookie-policy

Articoli

Stampa

Microchip e iscrizione all'Anagrafe Canina, come procedere

Già da diversi anni, microchip e iscrizione all'Anagrafe Canina sono per ogni cane un obbligo di legge.

Se quindi hai appena adottato un cane, sottoponilo subito alla procedura: oltre a proteggerlo contro smarrimento e furto, eviterai di incorrere in fastidiose sanzioni.

E non è tutto: il microchip è indispensabile anche per poter viaggiare con il tuo peloso, in quanto condizione obbligatoria per ottenere il Passaporto Europeo per animali da compagnia.

Ma qual'è il momento giusto per microchippare e registrare il proprio cane all'Anagrafe Canina? Se il tuo cane è nato da poco, devi sottoporlo alla procedura entro i due mesi di vita; se invece è già adulto, hai 30 giorni di tempo da quando ne sei entrato in possesso.

 Microchip e iscrizione all'Anagrafe Canina, come procedere

E adesso, passiamo al microchip: di cosa si tratta?

E' una minuscola capsula in vetro biocompatibile che viene inserita al cane per via sottocutanea. L'operazione è indolore e non provoca alcun effetto indesiderato; il cane potrà conviverci tranquillamente senza avvertirne la presenza. In condizioni normali, infatti, il dispositivo è inerte; si attiva solo quando viene sollecitato da un apposito lettore che serve a rilevare il codice identificativo al suo interno.

Questo codice contiene in 15 cifre tutti i dati del cane e del suo proprietario, e viene riportato nella scheda identificativa del cane stesso al momento dell'iscrizione all'Anagrafe Canina. Così, in caso di furto o smarrimento, la lettura del microchip consentirà di risalire al proprietario.

Attenzione, quindi, alle eventuali variazioni successive alla registrazione: cambio di indirizzo o di recapito telefonico, nuovo proprietario, decesso del cane vanno sempre tempestivamente comunicati al veterinario che ha effettuato la procedura o, in alternativa, alla propria ASL di competenza, così da mantenere la scheda sempre aggiornata.

Di solito, l'applicazione del microchip e la registrazione all'Anagrafe avvengono contestualmente. Qualora il cane sia già microchippato, non è necessario inoculare un altro microchip, basta semplicemente effettuare l'iscrizione all'Anagrafe.

Per entrambe le procedure puoi rivolgerti ad un veterinario abilitato, presentando un documento di identità e il codice fiscale del proprietario (maggiorenne). A questi documenti dovrai unire la ricevuta di un versamento di 8 euro da eseguire su un conto corrente intestato alla tua ASL di residenza.

Questo importo non comprende l'applicazione del microchip, che dovrai pagare a parte (il costo varia da veterinario a veterinario). E' importante che il proprietario sia presente alla procedura, così da poter apporre la sua firma sul certificato di iscrizione all'Anagrafe.

Per saperne di più >>