Questo sito utilizza cookie e tecnologie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione sul sito www.alimenticani.it senza modificare le impostazioni dei cookie accetti le nostre politiche sulla privacy, che puoi vedere nel dettaglio al link http://www.alimenticani.it/cookie-policy

Articoli

Stampa

Cure dentali del cane e del gatto, quello che devi sapere

Esattamente come gli esseri umani, anche i cani e i gatti possono soffrire di problemi dentali e gengivali. Colpa del tartaro, ovvero di quell'accumulo di placca che si deposita e si calcifica sullo smalto del dente. A lungo andare, il tartaro provoca all'animale vari disturbi: infiammazione e infezione delle gengive, dolore, perdita dei denti, alitosi e perfino miocarditi, patologie renali e problemi al fegato.

Come prevenirlo? Sono due i fattori di maggiore efficacia nel contrastare la formazione del tartaro:

- Un'alimentazione a base di crocchette. Durante la masticazione, la crocchetta produce un effetto abrasivo che mantiene i denti puliti e rafforza le gengive. Per questo, i cani e i gatti che si nutrono prevalentemente di alimenti secchi sono meno soggetti alla formazione del tartaro;

- Una regolare igiene orale. Ebbene si, anche i cani e i gatti devono "lavarsi i denti" ogni giorno. Naturalmente, non con gli stessi prodotti ad uso umano, che possono produrre effetti tossici.

Esistono in commercio spazzolini e dentifrici studiati appositamente per i nostri amici a quattro zampe: gli spazzolini hanno una forma ergonomica che agevola il proprietario durante lo spazzolamento e non fa male al peloso; i dentifrici sono formulati in modo da risultare graditi al palato e da non richiedere risciacquo.

 Cure dentali del cane e del gatto, quello che devi sapere

E' importante abituare gradualmente l'animale all'uso di questi prodotti: si comincia facendogli assaggiare una piccola quantità di dentifricio per poi strofinargliela delicatamente sui denti, eseguendo movimenti verticali. In un secondo momento, si può passare all'uso dello spazzolino, trattando i denti più sensibili (gli incisivi in particolare) con estrema cautela.

Può accadere che, nonostante una regolare pulizia domestica, il tartaro si formi ugualmente e in grande quantità: in questo caso, il nostro amico ha decisamente bisogno di una detartrasi. Questo trattamento va eseguito solo dal veterinario: è un intervento molto semplice e veloce che viene eseguito, per ovvi motivi di sicurezza, in anestesia generale.

Dapprima, il tartaro viene rimosso con speciali strumenti; poi si passa alla lucidatura dentale e infine alla somministrazione di prodotti antibiotici e/o antisettici. La detartrasi è efficace, ma non risolutiva: con il passare del tempo, infatti, gli accumuli si riformano e richiedono una nuova detartrasi.

Nella maggior parte dei casi, l'intervento deve essere ripetuto a distanza di 1-2 anni, ma per alcune razze canine (quelle nane, ad esempio) può essere necessario a distanza di soli sei mesi.

Per saperne di più >>