Questo sito utilizza cookie e tecnologie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione sul sito www.alimenticani.it senza modificare le impostazioni dei cookie accetti le nostre politiche sulla privacy, che puoi vedere nel dettaglio al link http://www.alimenticani.it/cookie-policy

Articoli

Stampa

Problemi di rigurgito per un cane, da cosa può dipendere?

Il cane di sesso femminile sterilizzata e ha 2 anni ed è di razza meticcio solo che praticamente non riesce a digerire nessun tipo di pasto croccantini nel cibo umido perché anche nell'arco della digestione ogni qualvolta si ciba rigurgita il tutto ed è in questo stato da più di un anno il veterinario che l'ha in cura mesi addietro gli aveva fatto fare una cura di zantadine e mi aveva fatto comprare Dei croccantini intestinal ma con tutto ciò continua a rigurgitare anche questi Infatti ti ha poi ho iniziato a fargli fare una dieta più casalinga con carni bianche e verdure rigorosamente cotte a vapore sembrava stesse meglio ma dopo un po' i rigurgiti sono ritornati non so non riesco risolvere questo problema alla mia cucciola Non so se questa cosa qui è in concomitanza con questo tipo di problema che lo elencato spesso soffre di bronchite e tracheite Attendo un vostro esito dopo aver guardato le suddette analisi in allegato la ringrazio mille per il suo tempo.

 Problemi di rigurgito per un cane, da cosa può dipendere?

Risposta

Gentile Sig. Salvatore

Dalle analisi non vedo alterazioni tali da giustificare la situazione. Dai sintomi potrei pensare a problemi esofagei soprattutto se il cibo viene rigurgitato subito dopo il pasto. Tra i possibili problemi per es valuterei la presenza di megaesofago (cioè di un esofago dilatato in maniera abnorme ) oppure di compressioni sull’esofago, oppure di ernia iatale. Potrebbe dipendere anche da problemi gastrici ostruttivi Il fatto che soffra di tracheiti e bronchiti può dipendere dai rigurgiti e quindi essere legato all’involontaria inalazione di vomito. Io farei eseguire delle radiografie all’esofago (collo e torace) in bianco e con mezzo di contrasto e una ecografia allo stomaco. Se non si evidenzia nulla potrebbe essere utile una endoscopia .

Cordiali saluti