Alimenti cani | Tutto ciò che serve sapere sugli alimenti per cani

 

Consulta tutti gli ultimi articoli >>

La dieta del cane varia in funzione dell'età dell'animale (alimenti per cani cuccioli, alimenti per cani adulti, alimenti per cani anziani), del suo stile di vita (cane da compagnia, da caccia, da lavoro) e delle razza alla quale l'animale appartiene.

Nonostante la sua convivenza con l'uomo, il cane ha mantenuto la sua natura carnivora; con la carne (bianca o rossa, ma comunque meglio se magra), l'animale forma il tessuto muscolare, assicurando il suo fabbisogno di proteine, grassi e vitamine, utili sia per la crescita che per il mantenimento. Importante e somministrarla sempre cotta, per evitare rischi di infezione da parassiti. Rispetto alla carne, il pesce (alimenti da somministrare ai cani una o due volte a settimana) costituisce una fonte proteica alternativa nell'alimentazione del cane, meno energetica, ma allo stesso tempo contenente meno grassi. L'alimento si deve somministrare cotto, stando attenti ad eliminare le lische che possono essere molto pericolose. La carne ed il pesce possono essere sostituiti un paio di volte alla settimana con altri alimenti per cani proteici come le uova e il formaggio magro.

Un'altra fonte di proteine necessarie per l'organismo sono le uova, non più di due volte alla settimana; l'unico accorgimento consiste nel cuocere l'albume per neutralizzare la sostanza antivitaminica contenuta in esso, l'avidina, che impedisce l'assorbimento delle vitamina A. Non ci sono invece controindicazioni per quanto riguarda il tuorlo invece, anche assunto crudo è ricco di grassi e vitamine.

 Alimenti cani
Fornire ai cani alimenti equilibrati rende la loro qualità della vita ottimale

Alimenti per cani - Il latte è ricco di grassi, zuccheri, minerali e vitamine. Anche se è molto gradito al cane l'alimento non è sempre assimilabile perché l'animale non possiede l'enzima che digerisce il lattosio.

Alimenti per cani - I formaggi freschi magri come la mozzarella e la ricotta, non devono mancare dall'alimentazione del cucciolo sopratutto, in quanto costituiscono fonte di proteine, grassi, vitamine e minerali
(principalmente il calcio). Anche lo yogurt è necessario, in quanto regolarizza l'intestino.

Alimenti per cani - I carboidrati (amido e glicogeno) e gli zuccheri (glucosio, fruttosio, lattosio) vengono utilizzati dal cane per produrre energia necessaria all’organismo, però in una quantità che rappresenta la metà rispetto ai grassi (lipidi). Tra questi i cereali: pasta e riso, che si possono associare agli altri alimenti per cani, ma che  hanno bisogno di una cottura prolungata per poter essere trasformati in zuccheri (il riso è preferibile che venga sciacquato dopo la cottura, per eliminare l'amido in eccesso). E' molto indicato anche il riso soffiato che non ha bisogno di cottura.

Alimenti per cani - Il pane, in piccole dosi e comunque secco o tostato (non contiene l'amido, sostanza che il cane non digerisce bene), pulisce i denti dalla placca e dal tartaro e costituisce un ottimo massaggio per le gengive dei cuccioli durante il cambio dei denti. Da evitare di somministrare al cane pane non lievitato perché, oltre al fatto che il lievito rilascia alcol, nei casi più gravi può causare la dilatazione dello stomaco o il blocco della circolazione
sanguigna.

Negli alimenti per cani non devono mancare le verdure e gli ortaggi, alimenti poco graditi dall'animale, ma necessari per una regolare attività intestinale, che dovrebbero rappresentare il 10-15% del pasto del cane. Da prediligere zucchine, carote e patate, in piccole quantità anche spinaci, bietole, cicoria e lattuga. Per essere digerite, le verdure si devono cuocere a lungo. Per non perdere il contenuto vitaminico, l'acqua di cottura può essere utilizzata per cuocere in seguito il riso o la pasta, oppure si aggiunte al riso soffiato.

Per quanto riguarda la dose giusta di grassi da mischiare agli alimenti per cani che deve contenere una dieta equilibrata, i grassi di origine animale, essendo già contenuti nella carne, non vanno aggiunti ulteriormente. Nell'alimentazione del cane si devono aggiungere solo quelli di origine vegetale che troviamo nell'olio di oliva o di semi, che il cane però non può sintetizzare da solo. L'olio d'oliva è più nutriente, quello di semi d'arachide, ricco di omega 6 (acido linoleico) è ottimo per il pelo, l'olio e la farina di pesce contiene l'omega 3, utile per gli animali che soffrono di infiammazioni o allergie cutanee.

 Alimenti cani
Gli alimenti per cani vanno somministrati con le giuste dosi e frequenza

QUANTE VOLTE

dopo lo svezzamento i cuccioli devono mangiare 4 volte al giorno, per poi passare gradualmente a 3 ed in seguito a 2 nell'età adulta.
In quest'ultimo caso tra un pasto e l'altro devono trascorrere circa 8 ore, per la completa digestione. E' consigliabile considerare un dei pasti come quello principale, di conseguenza più sostanzioso, mentre quell'altro più leggero, giusto per evitare lo stimolo della fame. Gli eventuali spuntini (solo nel caso in cui risultano necessari), non devono incrementare la quantità di cibo, ma devono far parte della dose giornaliera destinata all'alimentazione del cane.
Come premi educativi gli alimenti per cani preferibili sono croccantini o biscotti diversi da quelli forniti durante i pasti.


QUALE QUANTITÀ'

L'indicazione generica è di 30 g di cibo al giorno per ogni kg di peso del cane, osservando una proporzione uguale tra carne, riso e verdure; si consiglia di cuocere gli alimenti per cani crudi per eliminare il rischio di malattie.
Nel caso degli alimenti per cani pronti, si devono rispettare le quantità consigliate sulla confezione, aumentando o diminuendo in funzione dell'attività fisica del cane, della sua età e della taglia.
Se si ricorre ad una alimentazione casalinga invece, ci si può regolare in funzione delle necessità di cibo del cane, osservando semplicemente la ciotola ed agendo sempre sul pasto principale in questo modo:
- se la ciotola è vuota e leccata, vuol dire che la quantità di cibo era insufficiente, di conseguenza si deve aumentare la razione del pasto principale successivo
- se la ciotola è pulita, ma contiene piccoli residui di cibo, significa che la razione era dosata in modo giusto. Si deve continuare in questa maniera fino a quando non cambiano le condizioni.
- se la ciotola contiene ancora una significativa quantità di alimento, allora la razione era eccessiva. Il cibo rimanente va comunque levato  per evitare che l'animale mangia fuori pasto.
Quando il cane finisce, indipendentemente dalle condizioni in cui ha lasciato la ciotola, questa va lavata e rimessa al posto in cui il cane mangia abitualmente, pronta per essere usata per il pasto successivo.
Rispetto al cane che vive in casa e che necessità di quantità di alimento costante in ogni stagione, il cane che dorme fuori, ha bisogno di una quantità di cibo diverso da una stagione all'altra, maggiore in inverno e minore d'estate.
Sono comunque da evitare, nel caso dell'alimentazione casalinga: i salumi, i dolci e gelati, il pane fresco, la frutta secca, le rape, i piselli, i broccoli, i farinacei, che subendo il processo di fermentazione, gonfiano l'intestino.
Accorgimenti nel caso di piccoli problemi:

  • gastrite e diarrea – tenere l'animale a digiuno per 24 ore
  • stitichezza – aumentare le verdure e somministrare il latte
  • disturbi del fegato – eliminare cibi grassi o piccanti
  • disturbi cardiaci o renali – eliminare il sale

Per qualsiasi altra situazione, il punto di riferimento rimane sempre il vostro veterinario!

 

Elementi essenziali nell'alimentazione del Cane

Per crescere sano e mantenersi forte ed vitale, il cane necessita di un'alimentazione che contenga in giusta misura i seguenti elementi  nutritivi:

Proteine

Alimenti cani proteine

- le proteine negli alimenti per cani. Quelle di origine animale contengono tutti gli aminoacidi di cui il cane ha bisogno, quelle di origine vegetale, solo una parte. Aminoacidi indispensabili per la crescita della pelle, delle unghie, dei muscoli, delle cartilagini e dei tendini e per la produzione di ormoni.
La quantità di proteine di origine animale di cui ha bisogno un cane adulto in un pasto giornaliero si aggira intorno al 20%. In casi particolari però, quali femmine in gravidanza o allattamento o nel caso dei cuccioli, il fabbisogno proteico cresce, mentre per i cani anziani, diminuisce.
Le proteine di origine animale si trovano negli alimenti per i cani a base di: pollo, uova, agnello, coniglio, pesce e manzo.

 

Carboidrati

Alimenti cani carboidrati

- i carboidrati e gli zuccheri negli alimenti per cani, assicurano l'energia immediatamente disponibile e regolano l'attività della flora batterica. Più molecole di zuccheri, legate chimicamente tra loro in modo diverso, formano i “carboidrati”.
Tra questi l’amido ed il glicogeno forniscono energia all'organismo in un quantitativo energetico che è la metà rispetto ai grassi.
I cani ed i gatti, anche se sono in grado di utilizzare carboidrati e zuccheri per produrre energia, per questo scopo prediligono le proteine ed i grassi.
I cani hanno difficoltà a digerire il lattosio, mentre  non hanno  problemi per quanto riguarda il glucosio ed il saccarosio.

 

Grassi

Alimenti cani grassi

- i grassi negli alimenti per cani, sono indispensabili nella dieta in quanto costituiscono un'importante riserva energetica e aiutano a proteggersi  dal freddo. I  grassi (lipidi), presenti nella quasi totalità degli alimenti, servono a produrre energia per il funzionamento ottimale  dell’organismo, rappresentano la parte principale del grasso di deposito degli animali, stimolano la produzione di alcuni ormoni, aiutano a mantenere l'integrità della membrana cellulare, l'idratazione e l'elasticità della pelle. Tuttavia, per evitare  problemi di obesità, ma anche di predisposizione ad una vecchiaia precoce o all'insorgere di patologie, la quantità non deve superare il 10% della razione giornaliera.

 

Vitamine

Alimenti cani vitamine

- le vitamine negli alimenti per cani, sono molto importanti, soprattutto per il cucciolo e in gravidanza e allattamento.
Vitamina A: regola funzioni come la vista (adattamento all’oscurità), la riproduzione stimolando la produzione di alcuni ormoni, il metabolismo delle proteine, la crescita delle cellule della pelle e la produzione del sebo ecc.
Vitamina C: serve alla neutralizzazione dei radicali liberi, alla rigenerazione della vitamina E che è un potente antiossidante naturale, al metabolismo del ferro, rinforza la risposta immunitaria alle malattie infettive ecc.
Vitamina D: combatte il rachitismo, regolando il metabolismo del calcio e del fosforo.
Vitamina E: rende possibile la protezione delle membrane cellulari ed il miglioramento delle difese immunitarie.
Vitamina K: indispensabile per la coagulazione del sangue
Vitamina B1: indispensabile al funzionamento del sistema nervoso, consentendo la sintesi di una molecola (acetilcolina) che permette la trasmissione degli stimoli nervosi.
Vitamina B2: produce energia partendo dai grassi.
Vitamina B6: viene utilizzata nel metabolismo degli aminoacidi. La sua carenza provoca anomalie cutanee, nervose e sanguigne.
Vitamina B9: è indispensabile per tutti i tessuti in cui le cellule si moltiplicano rapidamente (quindi importante per lo sviluppo del feto)
Vitamina B12: importante nella sintesi delle proteine  e nella produzione dei globuli rossi.

 

Sali minerali

Alimenti cani sali minerali

- i sali minerali negli alimenti per cani, dette anche “ceneri” (calcio, fosforo, magnesio, potassio, sodio), presenti in diversa quantità in tutti gli alimenti, vengono chiamate macro elementi nel caso di quantità elevate o microelementi in caso di quantità ridotte. Svolgono funzioni essenziali per la vita come la formazione di denti e ossa, la regolazione dell'equilibrio idrosalino, l'attivazione del metabolismo, la crescita e lo sviluppo di tessuti e organi. E' necessario somministrare con la dieta le giuste quantità, soprattutto nei cuccioli e nelle femmine in gravidanza.

RICORDATI !!

   Il cane è abitudinario
Se non ci sono motivi particolari che giustifichino dei cambiamenti, per il cane è importante mangiare alla stessa ora, nello stesso posto, seguendo possibilmente la stessa dieta alimentare.
   No ai spuntini fuori pasto
Per evitare il rischio di obesità, è preferibile non abituare l'animale a spuntini fuori pasto, che portano ad assumere una quantità maggiore di cibo di quanto sia necessario nella normale alimentazione del cane.
   Attenzione agli ossi
Si deve stare attenti nel dare al cane ossa lunghe di pollo o coniglio che si possono spezzare, ferendo la bocca o l'esofago dell'animale. Le ossa grandi che non si possono rompere (ossa del ginocchio, per esempio), possono invece costituire sia un passatempo che uno strumento per rafforzare le mascelle e pulire la dentatura.
   No ai dolci
Si sa che i cani sono golosi, però dandogli caramelle, dolci o gelati gli si possono provocare le carie.
   L'acqua è indispensabile
Il cane, come l'uomo, sopporta di più il digiuno che non la mancanza d'acqua; per questo, accanto alla ciotola del cibo, ci deve essere quella dell'acqua, cambiata regolarmente ed a temperatura ambiente.